Categorie
millennio musica

Gli Artisti Del Millennio #76: INTERPOL

Gli Artisti Del Millennio #75: THE WEEKND

Insieme a Strokes, Longwave, National e Stellastarr, sono fra le band simbolo dell’indie-rock di New York, l’onda lunga del revival post-punk che loro interpretano con dosi massicce di Velvet Underground, Television e Joy Division. Eminentemente ritmici ma decisamente chitarristici, privi di un vero leader e affini ai gusti della critica di inizio millennio, hanno perduto seguito di pubblico ed esperti in una manciata di album.

L’esordio Turn On the Bright Lights (’02) è una rilettura delle loro principali influenze, trasposte in deprimenti e onirici scenari post-rock. Successo di critica, contiene molti dei loro brani essenziali ma non esplora nessun nuovo territorio sonoro. Premiato da NME e persino incoronato miglior album dell’anno per Pitchfork, è un album d’esordio fra i più amati e chiacchierati di inizio decennio. Per Rate Your Music è il #94 fra i migliori album di sempre. Il successivo Antics (’04), più luminoso e corale, in definitiva più pop, capitalizza le idee dell’esordio con altri brani di rock classico in un’epoca che fatica a individuare la propria musica nel contemporaneo. Gli arrangiamenti sofisticati di Our Love to Admire (’07) vogliono forse dimostrarne la maturità ma pubblico e critica guardano già altrove e le vendite si dimezzano. Un peccato, visto che pure se non all’altezza del fulminante esordio, suona comunque meno calligrafico e più personale. Nonostante Interpol (’10) si apra con “Success”, la band è in crisi e opta per una lunga pausa di riflessione. El Pintor (’14), non a caso un anagramma del loro nome, è un ritorno alle origini, dopo aver tentato invano di non essere più solo i più riveriti fra i revivalisti. “Lights” e “All Of The Ways” sono comunque brani degni del loro meglio, solo pubblicati in un’epoca ormai disinteressata a questo stile, al rock alternativo e forse anche al rock in generale. Ridottisi ad autocelebrare il loro esordio, tornano con Marauder (’18), accolto con sostanziale indifferenza.

Mezzo milione di copie l’esordio, così come il seguito, poi il declino nelle vendite sempre più marcato. Stesso declino il metascore, dal 2007 sempre sotto gli 80 punti (solo 66 per Interpol). A distanza di vent’anni, sembra difficile che la loro musica retromaniaca possa parlare con efficacia alle nuove generazioni: sono destinati all’oblio?

⭐⭐⭐

Gli Artisti Del Millennio #77: LIBERTINES

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...