Gli Artisti Del Millennio #43: BLUR

Grandi protagonisti dei 90s e del britpop, etichetta che ben li rappresenta ma che li costringe a fenomeno passeggero, ingenerosamente. Ben superiori ai cugini Oasis, avversari nella celebre “Battle Of Britpop”, non meno pretestuosa della rivalità Beatles Vs Rolling Stones. Hanno saputo reinventarsi grandi autori di un sofisticato pop-rock intimista, aperto a influenze elettroniche e hip-hop, allontanandosi dalle scene senza scadere nel mediocre. Con due album due hanno mantenuta alta l’attenzione di pubblico e critica anche negli 00s e nei 10s.

Nei 90s hanno fatto passi da gigante, rinfreschiamoci la memoria: gli acerbi Leisure (’91) e Modern Life Is Rubbish (’92) sono ancora troppo vicini al revival 60s ma il salto di qualità giunge con Parklife (’94), compendio intergenerazionale fortemente british che unisce babyboomers e generazione X in un tour-de-force stilistico con pochi paragoni (“Girls & Boys”, “Bank Holiday”, “The Debt Collector”, “To The End”, “Far Out”, “Clover Over Dover”, “Jubilee”), replicato con meno efficacia da The Great Escape (’95, con “Stereotypes” e “Charmless Man”). Passano da britpoppers a rockers con Blur (’97), più ruvido, rumoroso, tagliente, basti pensare alla super-hit “Song 2”. Tutta l’opera è intarsiata di suoni che provengono dal noise-rock, dal trip-hop, dall’hip-hop e dall’elettronica, segno che l’ossessione per i 60s è acqua passata. Chiudono il millennio con 13 (’99), ormai in pieni territori del rock alternativo: “Tender” è il loro capolavoro. In questo millennio pubblicano Think Thank (’03), altro assortimento di stili dalle sfumature etniche. Pochi concerti e due raccolte ne tengono vivo il mito: Midlife: A Beginner’s Guide to Blur (’09; 86 di metascore) e Blur 21 (’12, 91 di metascore). Infine ritornano davvero, con The Magic Whip (’15), elegante chiusura di carriera dopo 12 anni di pausa.

In patria sono best-seller: 9 dischi di platino gli album, 2 i singoli. Nel mondo i loro numeri sono modesti, compresi gli States. Critica positiva, con il metascore spesso sopra gli 80 punti. Su Rate Your Music i musicofili inseriscono Parklife, Blur e 13 nella Top3000.

Gli Altri Artisti Del Millennio:

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...