Gli Artisti Del Millennio #41: JOANNA NEWSOM

Joanna Newsom ha escludo quasi completamente il suo catalogo da Spotify

La più grande artista folk del ventennio. Incredibilmente, suona unica e originale nonostante i richiami classici e gli strumenti tradizionali. Compositrice geniale, cantante unica per tecnica e timbro, multi-strumentista innamorata dell’arpa. L’incredibile il lavoro sulla tonalità: la varietà vocale impareggiabile le permette transizioni dal fiabesco al drammatico, dall’emotivo allo scherzoso, dalla filastrocca alla tragedia. Essenziale laddove Sufjan Stevens è stato prolifico: (solo) 5 album in 16 anni.

Un mezzo miracolo, The Milk-Eyed Mender (’04), punto d’incontro fra naive e sofisticato, infantile e innovativo. Una fanciulla che filtra la tradizione folk statunitense in una soluzione coloratissima di filastrocche, melodie, arrangiamenti carenti solo d’ambizione. La critica indovina subito il suo spessore e a fine decennio Pitchfork la inserisce al #47 fra i migliori album degli 00s. Con Ys (’06), 5 brani fra i 7 e 17 minuti, sbalordisce: le piccole canzoni fatate diventano splendide, maestose suite fanciullesche che suonano originali e classiche. Sono cinque visioni che scavano l’anima in vertiginose avventure emotive. Le splendide orchestrazioni di Van Dyke Parks, la registrazione impeccabile di Steve Albini, il mixing di Jim O’Rourke aiutano la Newsom a scrivere una serie di capolavori cameristici. Ingeneroso 85 su Metacritic, ma molta critica lo considera l’album dell’anno (Blow Up, Drowned In Sound, emusic ecc.) e About.com persino del decennio. Have One On Me (’10), triplo (!) album di 2 ore, vede i brani prendere forma e corpo lentamente, elegantemente, sottovoce, sulle acrobazie della sua voce. Eccessivo? Forse, ma è indigestione allo stellato Michelin, non al fast-food. 85 al metascore, entusiasmo critico smussato dall’imponenza dell’opera. Inverte il processo con Divers (’15), più contenuto e facile da assimilare, e anche il più premiato dalla critica (88 al metascore).

La critica mondiale la scopre da subito, persino Scaruffi la premia con voti eccezionali e fa di Have One On Me l’album del decennio. Il pubblico, incuriosito, la premia: su Rate Your Music tutti i suoi album sono tutti nella Top1000 assoluta, Ys al #163. Ma è comunque un pubblico molto ristretto, con le orecchie tese alla più ricercata musica contemporanea.

★★★★☆

Gli Altri Artisti Del Millennio:

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Marco ha detto:

    Oh, questa è molto meglCOSA 4 stelle, livello Arctic Monkeys cioè?? Ma che.. eh?

    Non si può certo dire che i tuoi giudizi manchino di coraggio

    "Mi piace"

  2. ornitorinconano ha detto:

    Grave svista mia, avevo raddoppiato le stellette agli Arctic Monkeys, accidenti. Corretto di corsa. La Newsom la amo ma è ancora troppo poco per la quinta stella, per cui è una candidata eccellente.

    Comunque il commento mi ha divertito molto 😀 Capiterà anche che non siano errori di distrazione, prima o poi. Ma le stellette le metto proprio per “dire la mia”, quindi qua e là non sono d’accordo con la maggioranza.

    "Mi piace"

  3. Marco ha detto:

    Dire la propria è proprio quello che molti “critici” evitano di fare, quindi è ottimo.
    Certo che mi turba un minimo vedere la Newsom “a metà strada tra Beyoncé e i Radiohead”, ma in fondo i gusti sono tanti proprio perché ognuno possa scegliere il suo!

    Piace a 1 persona

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...