Recensioni 2019 #13: Caligula – Lingua Ignota

Neoclassical DarkwaveDeath Industrial

Kristin Hayter ha segnato già gli ascoltatori più esoterici con All Bitches Die (’17). Ritorna il modo con cui si muove fra neoclassica, industrial assordante e sedute psicoterapeutiche torcibudella. Chi altri ha costruito la sua musica sulla missione di dar voce alle vittime di abusi? Chiaro, non è l’album da TGIF ma un affascinante, eterogeneo, maestoso e a tratti spaventoso tuffo nella mente disintegrata di una persona devastata. Un concerto fuori dallo spazio e dal tempo, con location vista deserto, che richiede sacrale attenzione e dedizione, ma che quasi bissa il suo eccellente predecessore.

8

Le altre recensioni del 2019:

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...