Coma_Cose – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

Immagine

Coma_Cose su Spotify

I Coma Cose (o Coma_Cose) sono una delle vere manifestazioni alternative italiane degli anni ’10, una delle più genuine. Si tratta di un duo uomo-donna formato da Fausto Lama (Fausto Zanardelli) e California (Francesca Mesiano). La formazione ridotta a due teste è ancora più curiosa se si pensa che, pur in modo sbilenco, suonano musica Hip-Hop. Fausto Lama era già attivo con il nome Edipo e California ha esperienze come dj. Lavorano in un negozio, si innamorano e creano il sodalizio artistico. Il curioso nome è così spiegato:

Ci abbiamo messo un po’: all’inizio doveva essere soltanto “Coma”, oppure “Koma”. Cercavamo un nome che rappresentasse un po’ uno stato mentale: la nostra musica ha un 50% di “vita vera” e un 50% di critica sociale, con tanta ironia e cognizione di causa. Ecco che Coma voleva essere un nome provocatorio riferito ad un momento storico e sociale in cui bisogna un po’ svegliarsi, inoltre richiamava anche l’immaginario più classico dell’hangover, il coma post- serata. Soltanto che, quando abbiamo deciso di creare il profilo Instagram del gruppo, abbiamo notato che “Coma” era già occupato. E allora ci siamo messi a pensare a qualcosa che avesse a che fare con coma, le cose che hanno a che fare con coma…coma cose. Basta. Trovato, stava bene.

Come_Cose su Red Milk Magazine

Sono poeti urbani, citazionisti e popolari, nozionistici e ironici. Sono legati molto ai cantautori italiani classici, che tributano ad ogni occasione e con ogni pretesto, ma secondo una logica puramente post-moderna di decontestualizzazione.  I primi singoli del 2017 sono spesso essenziali nella forma, ma dimostrano che il duo piega la lingua italiana alle proprie esigenze con grande efficacia. Dicono “il mio artista rap preferito è De Gregori” in Deserto ma anche “Il giornalista mi fa un’intervista scomoda / Come il divano su cui me la fa / Mi chiede cosa penso della scena rap / Gli rispondo si ma / Secondo te oggi Tupac / Farebbe trap?!?” in Golgota. L’Ep Inverno Ticinese, soli 3 brani, contiene la brillante malinconia di Anima Lattina, chiaro riferimento a Lucio Battisti nel titolo, contiene un distico come “E se magari l’autunno è / Soltanto un ideale da difendere” o una violenta immagine nostalgica come “Ne apro una da 66 / Che poi sono gli anni di mio papà / Aveva gli occhi tristi / E in macchina Battisti / Guidare verso Jesolo / Le mani sul volante / Erano grandi come le zampe di un leone“.

Anima Lattina

Solo nel 2018 trovano un discreto successo con Post Concerto, un singolo divertente, che giustamente si staglia su buona parte dal Pop-Rap italiano, pur rimanendo una spanna sotto la narrazione decisamente più romana di Carl Brave. “La tua testa è un gigantesco centro sociale” è un altro verso da antologia. Atteso il primo album.

Post Concerto

Discografia

Inverno Ticinese (Ep)20175
Immagine

Annunci

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...