M¥SS KETA – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

Immagine

M¥SS KETA, tutto maiuscolo, è più un progetto estetico di Motel Forlanini che una musicista. In lei persona e personaggio si sovrappongono, secondo una logica che la vuole perennemente nel suo ruolo kitsch ed eccessivo di diva e femme fatale dalle sfumature fem-dom. Perennemente mascherata e con gli occhiali da sole, anche di notte ovviamente, è una bionda “che abbonda”, come si definisce lei stessa, e che vive in un limbo fra autoparodia e affermazione di un preciso stile. Il tutto nasce quasi per scherzo nel 2013, sull’onda di un testo scritto per gioco, quello della discussa Milano Sushi E Coca, beat martellante, synth assordanti e frasi ad effetto. Il video diviene in pochissimo tempo una sensazione su Youtube, grazie al suo stile erotico e provocatorio. 


Di sicuro il pezzo con cui ho esordito non era il primo tassello di chissà quale progetto esteso. Eravamo semplicemente lì, a Milano, in giro, una notte, pieno agosto… Quindi immaginati: abbiamo creato la canzone. Poi abbiamo pensato subito al video. L’abbiamo fatto. L’abbiamo buttato subito fuori. Tutto sotto questa coltre “psichedelica” della Milano ad agosto… “MILANO SUSHI & COCA” nasce così. Poi come forse ricorderai ci sono stati anche dei problemi, abbiamo dovuto tirare giù il video per poi ricaricarlo.


Soundwall
Milano Sushi & Coca

La versione originale viene persino censurata, così per evitare polemiche nasce una seconda versione che ancora oggi è visualizzabile sul canale ufficiale della “divina”. Nel 2015 quello che sembrava un progetto estemporaneo cresce grazie a nuovi singoli come In Gabbia e soprattutto Burqa Di Gucci e Le Ragazze Di Porta Venezia. Finalmente dietro al singolo-provocazione si intravede un immaginario più ampio, decadentemente milanese, disperatamente edonista e parossisticamente eccessivo. Il tutto viene ben riassunto sul primo album, L’Angelo Dagli Occhiali Da Sera: Col Cuore In Gola (2016), un amalgama di Electro, Rap e EDM sempre ai limiti del naive e dell’autoparodia. Anche nei pezzi inediti ci sono momenti di puro what-the-fuck (vince il primo posto “Il Gabibbo in overdose” di Golem). L’opera con brani ricercati come Le Faremo Sapere dimostra che se ogni tanto si può pensare di stare dinanzi a un lungo scherzo, la produzione è del tutto professionale. 

Quello che trasforma la carriera della “divina” è però il singolo Xananas, una torbida avventura erotico-allucinata, una filastrocca malsana e imbottita di psicofarmaci che procede per gemiti e sprazzi di rap suadente. Populous indovina il paesaggio sonoro ideale per il progetto, fra cattivo gusto, eccesso ed eleganza, con un alone retrò decadente. 

È una cumbia affogata in un oceano di codeina.

Populous su DLSO

La strofa centrale è una delle più fulminanti dell’intero rap femminile italiano, per carisma e per creatività:  Non capisco se la noia è il mio boia o una mia paranoia / Prima che muoia comunque da sola / House of Savoia Xanax avoja / La solita storia (due palle) / Ho fissato un meeting alle otto / Daje ‘sta volta famo il botto / Ci do dentro non ci sto sotto / Chiamo il mio avvocato e ti svuoto il conto / Non sono nichilista scelgo Prada a Nietzche / Io sono l’opera e tu sei la cornice / È un must ma non si dice / Xanax e Lexotan mi fanno felice / Sono la gran contessa / Arciduchessa, sacerdotessa / Controversa, compromessa / La prima donna a dire la messa.

L’Ep Carpaccio Ghiacciato (2017) contiene anche i synth ottantiani della filastrocca decadente di Courmayer, Synth-Wave nostrana come forse non ce n’è. Arriva il momento di fare sul serio, con un album che non sia una mera compilation ampliata e così nel 2018 arriva Una Vita In Capslock, una delle opere più divertenti e curiose del panorama Hip-Hop italiano, pur con grandi prestiti dall’Electro.

Una Vita In Capslock

Dal nichilismo spiazzante della title-track all’inno pseudo-femminista di Una Donna Che Conta, dal tribale all’ectasy di Monica al Lo-Fi ansimante e ansiogeno di Botox, dal Trip-Hip-Hop di Stress a due deliri in fila: La Scimmia È Pazza, con frasi in napoletano amatoriale e una frenesia ritmica degna di J-Lin; Spleen Queen, Noise-Rock a duecento all’ora dove diventa una diva Punk, dimostrando grande versatilità. 

Una Donna Che Conta

Era facile immaginare il progetto come una fiammata destinata a spegnersi dopo uno o due singoli, così questo album, pur con qualche passaggio a vuoto, si dimostra inaspettatamente interessante e conferma che il progetto sembra uno scherzo ma proprio non lo è.

Monica

A tenere viva la fiamma nel 2018 un singolo da discoteca, You Be (Opulenza Remix) e una collaborazione con Il Pagante


Discografia

L’Angelo Dagli Occhiali Da Sera: Col Cuore In Gola20166
Carpaccio Ghiacciato20176
Una Vita In Capslock20187
Immagine

Annunci

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...