Neffa – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

Immagine

Neffa-02 (1).jpg

Neffa su Spotify

Neffa, ovvero Giovanni Pellino, è stato uno dei nomi fondamentali della scena Hip Hop italiana, una divinità del genere in Italia e ragionevolmente uno dei più ricercati rapper nazionali. Può vantare nel curriculum la sua carriera breve ma fondamentale nei Sangue Misto e anche per la sua lunga carriera solista, che abilitato per la prima volta un rapper della scena originaria, addirittura appartenente al periodo delle posse, attraverso l’esperienza di Isola Kantiere a un mondo di musica Pop e radiofonica.

In realtà la carriera musicale di Giovanni Pellino è ancora più sorprendente dal punto di vista della varietà e imprevedibilità. Nato a Scafati nel 1967, in provincia di Salerno, Neffa si trasferisce a Bologna ancora giovanissimo e inizia a praticare presto la musica Hip Hop. Questa prima vocazione sembra dover essere abbandonata quando all’inizio degli anni 80 Giovanni diventa uno dei batteristi degli Impact e dei Negazione, due formazioni di rilievo della scena Harcore Punk italiana. La sua presenza in queste band lo porta anche a partecipare in prima persona ad un tour negli Stati Uniti. Inizia gli anni 90 con la partecipazione con i Piombo A Tempo, dove inizia a fare freestyle, tornando quindi attivo nella scena Hip-Hop dopo l’abbandono del mondo Hardcore Punk. Da qui l’esperienza con gli Isola Posse All Stars e quindi nel 1994 con i Sangue misto superata l’esperienza con i SangueMisto, in realtà proseguita poi in una serie di collaborazioni con Dj Gruff in una sorta di seguito apocrifo del capolavoro SxM.

La carriera solista di Neffa inizia ufficialmente nel 1996 con un album che in realtà risale all’anno precedente è che viene ritardato per problemi con la pubblicazione. Si intitola Neffa E I Messaggeri Della Dopa ed è uno degli album più importanti del periodo per la musica italiana, forse non solo la musica Hip-Hop. Questo perché contiene il singolo più famoso della carriera solista di Neffa, ovvero Aspettando Il Sole, la dimostrazione che è possibile immaginare un una versione dell’Hip-Hop italiano ben più affine ai gusti del pubblico radiofonico. Questa scoperta, che avviene attraverso la collaborazione con Giuliano De Palma, che canta con spirito Soul il ritornello tanto famoso, rappresenta una delle illuminazioni più importanti per la scena italiana: la tradizione tipicamente cantautorale della nostra nazione scopre che esiste la possibilità di riavvicinarsi al sentimento intimista tipico della nostra musica popolare anche partendo da delle radici tipicamente Hip-Hop. Il sentimento è in fondo quello dei Sangue Misto, semplicemente declinato da un sensibilità più introversa: Sempre più difficile restare calmo in questa situazione / Sclero, non ne voglio più / Parto da zero, so che in qualche modo devo andare su ma / Non c’è più luce, solo buio che fa male / Non c’è più pace solo rabbia che ogni giorno sale.

Il resto dell’album tuttavia è una dimostrazione di quanto Neffa, più che rimangiare e ritrattare la propria posizione di padre fondatore dell’Hip-Hop, cerchi di evolvere quel linguaggio verso qualcosa di più maturo, aperto a influenze disparate. Vengono riscoperte radici Soul e Black tutt’altro che scontate: si pensi che il titolo si riferisce al classico del Jazz di Art Blakey, Art Blakey & The Jazz Messengers, tutt’altro che una ispirazione scontata.

In pieno Hip-Hop apre In Linea, dove Neffa riafferma proprio la sua posizione di pioniere e appassionato: Rappresento per l’Hip Hop con la rima in italiano / Quindi se il microfono è connesso alla mia mano / Io non scordo mai l’origine, il modo che io esprimo / So da dove viene questa strada che continuo / Chico nasce giù nel Bronx, già da vecchia data / Zulu Nation, Afrika Bambaataa / DJ Kool Herc e GrandMasterFlash / E il mio gruppo preferito sono i Tribe Called Quest. Forti dosi Jazz e Funk in Puoi Sentire Il Funky, sornione atmosfere rilassate in La Ballotta ma soprattutto ospiti importanti in I Messaggeri Pt. 1: Kaos, Esa,  Phase II, Lugi e Dre Love. Suona come uno dei manifesti Hip-Hop dell’anno, soprattutto se considerato insieme alla seconda parte (7 minuti!), dove compaiono Storyteller, DJ Gruff, F.C.E, TopCat, Fede, LeftSide, P.P.T. e Cenzou. Il malsano Industrial-Rap di I Fieri BBoyz, di nuovo con un avvelenato Kaos, tagliente in rime quali Recluso come Silvio Pellico, le mie prigioni sono un incubo / Mentale, tocca di uscire e come sai / La fotta di un b-boy non si esaurisce mai / Se vuoi restare resta, se no bye bye / Qui non c’è la festa / Solo gente che ti spacca il culo con la dopa, prendi nota / La strada per il funk per te è in salita.

Neffa E I Messaggeri Della Dopa è l’album di un Neffa che istituzionalizza la sua posizione di veterano della scena, portando alla sua corte numerosi nomi di spicco e dimostrando che l’Hip-Hop in Italia è tutt’altro che una moda del momento. Indicando nuove strade, di matrice Black e Soul, ma anche ammiccando qua e là al Pop e al Jazz, Neffa scrive uno dei testi fondamentali per una nuova generazione di rapper. Come vedremo, però, lui decide di non farne parte. Il successivo 107 Elementi (1998) è infatti l’ultimo capitolo Hip-Hop della sua carriera. Un album calato nella tradizione (Il Resto È Nella Mente, Carcere A Vita con Kaos, Solo Fumo con La Famiglia) ma ancora aperto al Soul (Guerra E Pace, Non Tradire Mai, Vento Freddo, Suona Ancora, Navigherò La Notte), che contiene un meno enciclopedico brano di gruppo, Freaky Funk Flow Pt. 1 con Carri D, Dre Love, MC Mello e DJ Stile e un nuovo manifesto della scena, Strategie Dell’Universo, con Melma & Merda, DJ Skizo, DJ Stile, DJ Double S & DJ Zak. Ideale chiusura di un ciclo, 107 Elementi vive della collaborazione pregnante di Deda, già compagno nei Sangue Misto, e della voce Soul di Al Castellana: è un modo per unire passato e futuro di Neffa, che da questo momento in poi uscirà dal mondo Hip-Hop per approdare a un successo tipicamente Pop, legato a ritornelli e filastrocche. Per i nostalgici del Neffa Hip-Hop l’ultima dose di rime arriva con l’EP Chicopisco, con la grandiosa orgia robo-funk di Gran Finesse, il Funk trascinante di Funk-A-Un, la ballata vellutata Stare Al Mondo e L’Incognita insieme a XYZ, la seconda il remix della prima. È molto di più che una raccolta di scarti, questo EP con preziose gemme di uno dei grandi della scena italiana.

Quando mister Pellino ritorna, la sua musica è completamente stravolta. Arriva E Partenze (2001) è frebbicitante nel suo Jazz caraibico (la title-track), un inizio che inganna come pochi altri. Segue infatti il singolo del “tradimento”, La Mia Signorina, una canzone sulla marijuana che suona definitivamente Pop. Il rilassato spirito Funk e Soul del resto della tracklist ricorda più Pino Daniele che gli A Tribe Called Quest. Se l’entusiasmo arriva per il Funk/Rock di Alla Fermata, forse si è perduto più di quel che si è guadagnato, nella mutazione. Con I Molteplici Mondi Di Giovanni, Il Cantante Neffa (2003) arriva puntuale il singolo da radio, Prima Di Andare Via. Una puntata Country con Disperato, un viaggetto in Brasile per O Tempo E O Vento e qualche puntata in Giamaica: è World Music senza grandi motivi di interesse. Con Alla Fine Della Notte (2006) e il singolo Il Mondo Nuovo, ballabile frenetico e teso, la leggerissima pillola Pop-Soul de La Notte.

Neffa diventa compositore per il film Saturno Contro (2007), esercitandosi con variazioni sul modello del tango. Aspettando Il Sole (2007) è la sua prima raccolta, prima del ritorno con Sognando Contromano (2009), un album nel pieno della tradizione italiana e persino partenopea (Giorni D’Estate). (Per la breve parabola come Due Di Picche si veda J-Ax).

Molto Calmo (2013) con l’omonimo singolo in up-tempo, un Soul intimista e frenetico, e la torbida Il Mostro, la versione Pop dei Nine Inch Nails, e il successivo Resistenza (2015), con una cover di Carosone e il singolo-filastrocca Sigarette.

 


Discografia

Neffa E I Messaggeri Della Dopa 1996 8
107 Elementi 1998 7
Chicopisco EP 1999 7
Arrivi E Partenze 2001 6
I Molteplici Mondi Di Giovanni, Il Cantante Neffa 2003 5
Alla Fine Della Notte 2006 5
Saturno Contro OST 2007 5
Aspettando Il Sole 2007 6
Sognando Contromano 2009 5
Molto Calmo 2013 5
Resistenza 2015 5,5

Immagine

Annunci

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...