Nuovi Briganti – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

Immagine

nuovi briganti

Nuovi Briganti su Spotify

Se l’Hip-Hop è musica dell’emarginazione e del riscatto sociale, allora in Italia è inevitabile che diventi anche musica del meridione. Già nel 1991, in epoca di “posse” quindi, si formano i Nuovi Briganti, il primo gruppo Hip – Hop siciliano composto dai rapper Lupo (Giuseppe Paterniti), Vulcano (Raffaele Riberti) e da DJ Mistero, presto sostituito da DJ Nicita (Nello Nicita).

Grazie a un demo che viene salutato come un lavoro importante per la nascente scena nazionale ed alla partecipazione al varietà televisivo Avanzi su Rai 3, che ha dato spazio fra gli altri anche agli Isola Posse All Stars. Nel 1992 è pubblicato il mini Nuovi Briganti, 18 minuti ispirati ai Public Enemy che cercano di costruire un sound spettacolare nonostante il flow sia ancora immaturo, naive. Spicca un impegno sociale, un’anima meridionale che veicola a mezzo musicale questioni sociali: migrazione interna, identità regionale, contrasto fra tradizione e innovazione. Malasorti, in chiusura, apre la traiettoria Raggamuffin, poi approfondita nel disco mix U Cchhiu’ Beddu Suli, tarpato da una qualità amatoriale, nonostante il simpatico spirito danzereccio.

Nel 1992 affiancano nelle date italiane i già citati Public Enemy e i Beastie Boys, a testimonianza del loro ruolo di rilievo nella scena dell’epoca, ancora orfana di molte leggende dell’Hip-Hop nostrano. L’aspettativa per il primo album è grande, così nel 1993 firmano Fottuto Terrone suona come la prova della maturità. Polemico fin dal titolo, è molto più graffiante dei primi lavori, capace di integrare il dialetto e le melodie folk locali in un tessuto Hip-Hop. L’ipnotica Sono Siciliano è un inno d’orgoglio meridionale, che costituisce con la successiva Fottuto Terrone un uno-due sensazionale. Eruzione, che sfrutta la musicalità dialettale, e un altro manifesto sociopolitico, Unificazione = Falsificazione, sono altri momenti importanti di un album che soffre ancora una immediatezza nei testi che lambisce a tratti la banalità, oltre a subire il peso di alcuni passaggi che odorano di riempitivo (Spaccio, il remix di I Fratelli Lavorano Fuori). 

L’album vede al lavoro il team produttivo di Jovanotti, con tanto di partecipazione di Saturnino (al basso) e Demo Morselli (ai fiati). Sono Siciliano entra a far parte nella colonna sonora della fiction Rai a tema mafioso La Piovra 7. Attivi live sia in Ialia che all’estero, i Nuovi Briganti, con l’aggiunta di “DJ Lucky L.” ovvero Giuseppe Dell’Utri ai piatti, “Dedalo” cioè Massimo Lagana al basso e “Cocalo” aka Francesco Veronese alla chitarra tornano nel 1996 con Camico, che vanta la collaborazione di Carmen Consoli nel brano Lascia Che Sia Così. Fra tentativi Rap-Metal un po’ goffi come Lorinda e Arrivaru Li Briganti e un originale Trip-Hop allucinato come Picciotti Carusi E Figghioli, la filastrocca piena di fiati di Ficudinnia e la Funk-jam di Camico, è un secondo album difficile da inquadrare, forse il risultato di momenti creativi molto diversi appartenenti a momenti eterogenei della storia della band. 

Con soli 2 album all’attivo, e nessuna significativa eredità in termini di progetti solisti, reunion e rimpasti, i Nuovi Briganti rappresentano una tappa storica importante per chi voglia conoscere una delle prime manifestazioni orgogliosamente meriodionali dell’Hip-Hop italiano. Soprattutto l’album del 1993 rappresenta in questo un passaggio storico da segnalare, in un momento ancora acerbo della scena nazionale.


Discografia

Fottuto Terrone 1993 6,5
Camico 1996 5,5

Immagine

Annunci

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...