Migos – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

Migos.jpg

Migos su Spotify

A Lawrenceville, Georgia c’è un gruppo di tre rapper che è attivo dal 2009 e che può vantarsi di suonare musica Trap da ben prima che diventasse un trend mondiale: sono i Migos, ovvero Quavo (Quavious Keyate Marshall),Takeoff (Kirshnik Khari Ball) e Offset (Kiari Kendrell Cephus). I tre sono imparentati. Nel 2013 Drake fa conoscere uno dei loro primi singoli al mondo, Versace: subito fioccano i paragoni con artisti quali Gucci Mane, Soulja Boy e Future. Arricchito dalla presenza di Chris Brown e Young Thug, l’esordio Young Rich Nation (2015) è l’opera in cui confluiscono gli sforzi maturati dopo una serie di mixtape. Si tratta di 15 brani che fanno vibrare i subwoofer (One Time, Pipe It Up) esaltando il flow del trittico (Migos Origin, Gangsta Rap, Playa Playa, Trap Funk) e usando la produzione spettacolare per riempire alcuni pezzi di momenti ad effetto.

Soprattutto le voci sono deformate, spezzettate, rimontate fantasiosamente mentre synth e linee di basso al limite del subsonico dominano le musiche (Street Nigga Sacrifice, Cocaina). Con questo primo album i Migos diventano uno dei primi gruppi di riferimento della musica Trap.

Tuttavia è con Culture (2017) che portano la loro proposta a un livello differente. Con la collaborazione di DJ Khaled, Gucci Mane, 2 Chainz, Travis Scott e Lil Uzi Vert e la produzione di Metro Boomin e Murda Beatz il trio sembra aver trovato il modo di esaltare il proprio stile duro, aggressivo e futuristico. A tratti irresistibilmente orecchiabili (Culture feat. Dj Khaled), i brani vantano arrangiamenti eterogenei: onirici in T-Shirt; minimali in Call Casting; atmosferici in Bad And Boujee; funky in Slippery; orchestrali in Big On Big; robotici in All Ass.

Deadz è un’orgia di sub-bass, da far esaltare chi ha un impianto da 500 Watt. Solo in Kelly Price, però, il trio sembra superare se stesso, facendo qualcosa di più di una nuova, impeccabile canzone Trap: assistiamo a una composizione più elaborata, con una coda per sola voce e autotune, la versione androgina di un lamento Soul.

Culture è sorprendente nella sua capacità di suonare tanto immediato quanto diversificato, senza mai smettere di trasmettere a pieno il talento della band: flow rocamboleschi che dimostrano grande dinamismo e gioco di squadra; produzione fantasiosa, impegnata a caratterizzare i singoli brani; ritornelli e melodie accattivanti, da far rimanere in testa i brani dopo un paio di ascolti. È insomma arrivata la conferma che i Migos sono il gruppo di riferimento della musica Trap.


Discografia

Young Rich Nation 2015 6,5
Culture 2017 7,5

 

Annunci

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...