Europei Musicali 2016: Chi Vincerebbe Se A Giocare Fossero I Musicisti?

Se, invece di competere a suon di attaccanti celebri o di difensori muscolosi, gli Europei si svolgessero a colpi di album, singoli e carriere leggendarie? Ecco, partendo da questa idea mi sono divertito a immaginare come andrebbero gli Europei Musicali 2016.

Due parole sulle band e gli artisti selezionati per le formazioni: 11 nomi fra quelli che reputo i migliori di ogni nazione e, quando la mia ignoranza ha avuto la meglio, i nomi che ho trovato in rete come i più quotati. In alcuni casi ho dovuto fare delle scelte, ovviamente: scatenate la vostra indole da allenatori nei commenti e datemi le vostre formazioni.

Gli schemi di gioco: sono tutti uguali, tutti 4-4-2, semplicemente perché tanto non cambia nulla per questo gioco.

Le 16 Squadre Arrivate Agli Ottavi

Svizzera

Dominata da formazioni metal di tutto rispetto, capitanata dai Celtic Frost, la nazionale svizzera è piena di giocatori da veri intenditori, insieme ad alcuni che stanno al limite del “ma chi cazz* è?”. In una parola: sconosciuti

Fonte: ascolti personali, questa bellissima lista

Polonia

Metal ma non solo, in Polonia. Esiste una scena Hip-Hop, ma per quel che so non mi sentirei di mettere nessuno in formazione. In avanti la Demarczyk forma insieme ai Behemoth un temibile e stravagante comparto offensivo fra poesia cantata e Death Metal. Dominano il centro campo le stravaganze chiamate Kobong e Atrophia Red Sun. In una parola: esoterici.

Fonte: ascolti personali, questa bellissima lista

Croazia

Mai ascoltato una band croata in vita mia. Praticamente sono l’Islanda dei campionati Europei, quelli veri: nessuno li conosce e sulla carta sono i meno qualificati a vincere. In una parola: islandesi.

Fonte: pari pari i Top11 di questa lista

Portogallo

I Moonspell io li metterei là, davanti a tutti, a far paura agli avversari, mentre i Gala Drop li allucinano. Dietro stralci di una scena locale con sprazzi di celebrità internazionale. In una parola: fado.

Fonte: pochi ascolti personali, questa bellissima lista

Galles

Non te lo aspetti, perché hai passato una vita a considerarli parte della musica inglese, ma poi in formazione ci trovi alcuni nomi di spicco mischiati ad altri meno celebri. Capitano forever John Cale, grande solista e grande nei Velvet Underground. Così una nazionale a cui non daresti un soldo bucato rischia di diventare insidiosa. In una parola: attenti al colpo di coda.

Fonte: pochi ascolti personali, questo e questo

Irlanda Del Nord

Rispetto ai cugini della Repubblica D’Irlanda, la situazione è decisamente meno entusiasmante. Tante realtà locali, quasi nulla con uno spessore internazionale reale. Spicca Van Morrison, già tantissimo per un posticino così piccolo. In una parola: provinciali.

 Fonte: nomi pescati da qua

Ungheria

Nessuno li conosce, praticamente. Non sembrano poter nuocere a nessuno, con questa formazione di signor nessuno. Io conosco solo gli Omega, istituzione esoterica del Prog-Rock. Sono quindi un pessimo allenatore, accetto i vostri consigli. In una parola: carneadi.

Fonte: Omega scelti da me, poi questa lista

Belgio

Ogni tanto se ne parla di una scena belga, soprattutto di Avant-Prog e Rock In Opposition. Io stento a crederci,  perché conosco poco e quel che conosco non lo metterei in formazione. Ricordo un tempo in cui era forte l’entusiasmo sui Ghinzu e il loro Pop/Rock rumoroso. Su alcuni vado a completa fiducia,  vista la stima di molti esperti, come nei casi di Jacques Brel e di Django Reinhardt, che conosco poco e male. Rimangono in panchina gli Kiss the Anus of a Black Cat, una band dal nome epico. In una parola: per intenditori.

Fonte: pochi ascolti, qualche ricordo, questa lista

Germania

Fra i favoriti in assoluto, vantano una scena musicale grandiosa negli anni ’70, capace probabilmente di imporsi a livello mondiale. I corrieri cosmici dominano: Can, Faust, Tangerine Dream, Klaus Schulze, Kraftwerk.  Molte star, come gli Scorpions o gli offuscati Rammstein, rimangono fuori dalla rosa ufficiale: quando si dice poterselo permettere. In una parola: über alles.

Fonte: tanti ascolti e dolorose esclusioni

Slovacchia

Sconosciuti ai più, sono una formazione dominata dal Prog-Rock. Io sono un allenatore ignorante, quindi non ho idea della qualità dei giocatori, ma non ci scommetterei un euro neanche se fosse tuo. In una parola: senza speranze.

Fonte: una selezione da questa lista

Italia

Come per la nazionale di calcio, qua i pareri sono molto discordanti. Chi è pronto a giurare e argomentare fino alla fine dei tempi sull’eccellenza del Prog-Rock italiano, chi spergiura che la scena Punk/Hardcore è di tutto rispetto e chi invece afferma una appassita ma gloriosa scena Metal. Pochi, maltrattati, ricordano che anche l’Hip-Hop è una compagine nutrita. Ovviamente, ho scelto fra tanti nomi che conosco e sì, ho dovuto lasciare fuori dalla rosa band e artisti importanti. Scatenatevi quindi con le vostre alternative. In una parola: note magiche.

Fonte: la musica italiana che preferisco, con tanti omissis

Spagna

Qualcuno mi faceva notare su questo blog che io non ho capito i Senor Chinarro. Questo è dovuto principalmente a barriere linguistiche e al fatto che di musica spagnola ne conosco poca e quasi mai qualcuno me ne ha consigliata. A differenza del calcio, quindi, gli spagnoli sembrano destinati a finire velocemente la loro avventura europea. In una parola: schiappas.

Fonte: questa lista

Francia

Non sono la Germania, non sono l’Inghilterra ma i cugini con la baguette hanno dalla loro alcune leggende Prog-Rock della massima statura come Gong e Magma, oltre a celebrità come Daft Punk e Air. In difesa, i temibili Deathspell Omega. In una parola: da podio.

Fonte: ascolti, pregiudizi e questa lista

Irlanda

L’Irlanda in questo Europeo musicale è nel gruppo dei favoriti. Gli U2 sono le superstar insieme ai Cranberries ma My Bloody Valentine e Aphex Twin sorreggono la qualità del gioco, mentre in porta c’è tutta l’esperienza dei Virgin Prunes. In una parola: temibili.

Fonte: ascolti personali + questa lista

Inghilterra

Sono i favoriti di tutti, ma come capita spesso finisce che chi deve sbaragliare tutti gli altri ha poco da vincere e molto da perdere. Hanno il Prog-Rock, hanno l’Elettronica degli anni ’90 e anche quella più recente Dubstep. E poi l’Hard Rock e il Punk. Difficilissimo decidere chi tenere fuori: mi ha guidato il cuore. In una parola: maestri.

Fonte: una dolorosa selezione degli ascolti

Islanda

Una nazione di trecentomila abitanti, è già tanto se trovano uno o due musicisti da mettere in campo. E, a sorpresa, hanno alcuni assi nella manica. Ovviamente, la difficoltà è riempire il campo. In una parola: meglio un calcio a 5.

Fonte: ascolti e questa lista

Risultati delle partite

Ecco che ora, con tutte le formazioni già viste, possiamo divertire a immaginarci come andrebbe il torneo degli Europei Musicali 2016.

Immagine

GERMANIA CAMPIONE D’EUROPA 2016

Voi chi avreste fatto vincere? Quali partite sarebbero andate diversamente, secondo voi? Manca nelle 16 arrivate agli ottavi di finale qualche squadra che secondo voi poteva fare la differenza? Se ne parla nei commenti qua sotto o su Facebook

Annunci

6 thoughts on “Europei Musicali 2016: Chi Vincerebbe Se A Giocare Fossero I Musicisti?

  1. Mattia ha detto:

    Sull’Irlanda del Nord sei stato ingenuo, è una formazione fortissima! Ti consiglio fortemente di ascoltare gli artisti citati se non li conosci! A mio parere schiaccia l’altra Irlanda degli imbolsiti U2 e Cranberries.

    Liked by 1 persona

  2. Mattia ha detto:

    Personalmente avrei omesso i Radiohead (che pure non mi dispiacciono, ma dovendo scegliere…) idea geniale comunque la tua, i risultati come li hai stabiliti? 😉

    Mi piace

  3. Credo che anche a me piaccia più la versione con i Clash! I risultati sono pensati per rispecchiare i rapporti di forza fra le formazioni! Ovviamente, un semplice gioco!

    Mi piace

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...