100 Album Da Ascoltare Prima di Morire – #30

DAVID THOMAS- MONSTER WALKS THE WINTER LAKE

Monster+Walks+The+Winter+Lake+Cover

Posizione 30 dei 100 Album Da Ascoltare Prima di Morire per il cabaret assurdo di David Thomas.

Thomas approda ad una musica da camera sognante e dadaista in Monster Walks the Winter Lake (1986). I principali punti di riferimento sono i cartoni animati, il teatro, la gag comica ed una musica che sfrutta valzer stralunati e danze impalpabili. L’azzardo stilistico è una vetta di stravaganza che Thomas forse non raggiungerà mai più. Il sound è rilassato e dilatato, tutto l’opposto delle tempestose vignette degli esordi, ma è tutt’altro che lineare. La strumentazione è al solito stravagante: violoncello (Garo Yellin), sintetizzatore (sempre il superbo Allen Ravenstine), fisarmonica (David Hild), basso (Tony Maimone). Gli undici minuti abbondanti di Monster Walks the Winter Lake potrebbero forse essere il capolavoro di Thomas, una danza guidata dalla fisarmonica e straniata dal synth dove la voce recita, parla, borbotta, si eleva acutissima e vertiginosa mentre una sorta di ensemble da camera allucinato costruisce l’ambiente sonoro dove la piece teatrale ha luogo. Momenti festosi, cantati con tono fanciullesco, ed altri commoventi teatri e struggenti si susseguono in una drammatica parabola di risate e di malinconie che è ormai completamente distante da Beefheart e dai Pere Ubu. La fusione di psichedelia, dadismo, infantilismo, chiasso, cacofonia, fiaba, assurdo è giunta ad una nuova maturità, dove tragico, comico, sperimentale e demenziale non si distinguono più, dove la risata è dramma e il clima rustico e provinciale delle fisarmoniche e dei balli di paese è un pretesto di destrutturazione violenta. Si tratta di una violenza dolce, disperatamente allegra. Thomas si veste di sorrisi disillusi, di maschere sorridenti che nascondo il pianto. L’opera sembra una metafora sulla disillusione e sulla comicità nel tragico. Musicalmente inaugura una forma musicale che è estranea ai punti di riferimento di inizio carriera, originale come poche altre negli anni ’80.

 

L’album non è presente su Spotify, Deezer, Grooveshark e Youtube. Qui il link su Amazon.

<TORNA ALLA POSIZIONE #31SCOPRI LA POSIZIONE #29>

Annunci

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...