Toxik – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

Le migliori canzoni dei Toxik

I Toxik sono una formazione di Thrash Metal originaria di Peekskill, New York. Sono stati fra i fondatori di quello stile di Thrash Metal con forti influenze progressive.

Mike Sanders alla voce, Josh Christian alla chitarra, Brian Bonini al basso e Tad Leger alla batteria sono i titolari del primo album. World Circus (1987) è un tornado di energia e di virtuosismi a ritmi indiavolati. Un sound spettacolare, pirotecnico, esplosivo, ipercinetico, che è degno dell’esordio dei Testament. Heart Attack è uno degli inni Thrash più scalmanati di sempre, intarsiato perlaltro di chitarre folli e ripartenze assassine: un concentrato ultra-denso di violenza Thrash Metal. Da capogiro anche il Thrash Metal tecnico e fulmineo di Social Overlord, l’intricata struttura di Voices, l’assalto di Door To Hell, il terrificante assalto ritmico di World Circus. 47 Seconds Of Sanity/Count Your Blessings mostra strutture più Progressive: apertura acustica, virtuosismi chitarristici, poi un complesso Thrash Metal. Victims, in chiusura, aiuta a ribadire un concetto che tutto l’album afferma con decisione: è un album di efferato, complesso, densissimo Thrash Metal. Perla dimenticata del Metal anni ’80, l’album è un concentrato di tecnica, potenza, precisione ed energia, qualcosa che fa tesoro delle lezioni di band come gli Slayer e porta all’eccesso quella musica già estrema, mantenendo un’anima Thrash Metal. Un gioiello che merita di essere annoverato fra i capolavori del Metal estremo più tecnico e ipercinetico: 37 minuti di furia sonora, senza per questo rinunciare alla precisione di una formazione virtuosa.

Fra i due album Charles Sabin entra alla voce al posto di Sanders e John Donnelly diventa il secondo chitarrista. La nuova ugola è forse più dotata di Sanders, quantomeno più adatta ai tempi meno serrati. La seconda chitarra, invece, inspessisce l’arrangiamento e lo variega un po’ di più.

Il secondo Think This (1989) si allontana dall’efferatezza dell’esordio verso un sound meno rabbioso e supersonico. Ridotta la velocità la band ha comunque spazio, forse più di prima, per tessere strutture complicate ed elaborate. Soprattutto, la band può sviluppare al meglio delle tendenze Progressive che rimanevano parzialmente sepolte nell’esordio. Nasce così un Thrash Metal progressivo e cangiante come si ascolta in Greed e Spontaneous, con tanto di momenti fortemente melodici (There Stood The Fence), strutture altamente intricate (Technical Arrogance), propensioni di puro Prog-Metal (Shotgun Logic). Si tratta di un anello di congiunzione fra Prog-Metal e Thrash Metal, una versione più diretta di quel sound complesso che i Metallica hanno sviluppato dal secondo album in poi. Non ha l’impatto devastante dell’esordio e forse neanche quella brillante personalità, ma è un gioiello dimenticato di Thrash Metal cerebrale ed elaborato che merita di essere rispolverato.

.

.

.

Voti:

World Circus – 8
Think This – 7

Le migliori canzoni dei Toxik

Annunci

One thought on “Toxik – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...