Lethargy – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

I Lethargy sono una formazione che ha fatto gloriosamente parte delle compagine delle band più estreme, malsane, violente, intricate e temibili della Storia del Metal. La loro breve carriera, di cui rimangono poche registrazioni, va dal 1992 al 1999, ma di fatto i vari membri, entrando in formazioni come Today Is The Day e Mastodon continueranno altrove il loro discorso musicale.

It’s Hard to Write with a Little Hand (1996) è un concentrato di virtuosismi, brutalità, schizofrenie, violenze, assalti devastanti, cambi di tempo, costruzioni mastodontiche, austere e severe liturgie di dolore e punizione. La devastante Careborne, la labiritnica Humor Me, la delirante schizofrenia di Create, la furia Grindcore con cui apre Spill, il tour de force di Medley (7 min. e mezzo), la pazzesca grandinata ritmica di Among sono sprazzi che non possono restituire un album ostico, avvelenato da una delirante e chirurgica volontà di restituire un’immagine di sé intricata, orribile, ripugnante. Vicino alle opere di Dillinger Escape Plan e PsyOpus, questo disco è un concentrato di Metal matematico, brutale, ostinatamente austero, severo, difficile.

Discography ’93–’99 (1999) raccoglie l’intera discografia, e mostra tendenze ancora più brutali quando ripresenta il demo Lost In This Existence (un concentrato di Death Metal tecnico, intricato, violento, degno anticipatore dei Today Is The Day). Nel resto della discografia rimasta esclusa dall’unico album di studio si fa ricordare soprattutto Jabba, schizofrenicamente meccanica.

Il Mathcore della band non è ancora evoluto come diverrà presso formazioni leggermente successive, ed è ancora afflitto da qualche ripetitività. L’uso della voce è spesso monotono, la strumentazione è classica, le tematiche non aggiungono molto a quanto già detto, ma nonostante tutto questo l’opera di questa minacciosa formazione rimane una tappa importante del Metal, un momento di passaggio che lo ha portato alle più mature opere di Math-Core.

.

.

.

Voti:

Lost in This Existence (Demo) – 7
Tainted (Demo) – 6
Humor Me, You Funny Little Man (The Red Tape) – 6
It’s Hard to Write with a Little Hand – 7,5
Discography ’93–’99 – 7

Annunci

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...