Japandroids – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

Le migliori canzoni dei Japandroids

I Japandroids, dal Canada, suonano un mix di Noise-Rock e Pop-Punk in lo-fi su Post Nothing (2009).

The Boys Are Leaving Town congiunge idealmente i Sonic Youth con gli AFI. Le fragorose chitarre ad un passo dal dissolversi in un mare di rumore si accoppiano a melodie vocali orecchiabili, come mostrano Wet Hair e la più aggressiva Young Hearts Spark Fire, con accelerazioni vorticose di derivazione Hardcore che ne fanno uno dei brani migliori. Il tiro trascinante di Rockers East Vancouver, un brano che potrebbe essere un tormentone dell’indie Rock, richiama alla mente gli equilibrismi fra rumore e melodia dei Dinosaur Jr. Alla larga si intravede anche il Grunge, ma rielaborato in strutture più fantasiose e distanti dalla forma canzone in Heart Sweats. Crazy/Forever (6 min.), un mix di dolci melodie Emo-Pop e vorticosi fragori di batteria e chitarre distorta, è l’apice dell’opera, una ipnosi ciclica che sembra l’ossessione dei Drive Like Jehu di Luau affogata nella malinconia, interpolata con una ballata romantica su un amore perduto. I Sonic Youth ed in Neu formano la strana coppia che potrebbe partorire Sovereignty, altro brano da ricordare. I Quit Girls è più peculiare: un fragoroso riff Noise-Rock, una fragile melodia vocale, gli strumenti ritmici che entrano solo nell’ultima parte; è una stravagante idea di ballata, o un incrocio di emotività e fragore di grande forza emotiva, che ricorda certe cose degli Smashing Pumpkins (Mayonaise).

Sul secondo No Singles (2011) spicca una maggiore tendenza alla violenza degli assalti ritmici ed all’urlo; la chitarra è più aggressiva e ritmica ma all’opposto si aprono lunghi momenti di stratificazioni Shoegaze; la tensione in genere è intensa e frammista alla tristezza. Darkness On The Edge Of Gastown apre con un Groove Metal poi vira in Post-Core: le chitarre taglienti, le epilessi ritmiche e la tensione sono mitigate solo dalle armonie vocali. Sexual Aerosol flirta con lo Shoegaze in uno spettacolare Pop-Punk che singhiozza, s’incaglia, riparte, zoppica e si strugge di sentimenti malinconici. L’apice di irrequietezza è Lovers/Strangers, nervi tesi e struttura che vortica su se stessa, ossessivamente, in un massacro rumoroso e ansiogeno. Lucifer’s Symphony unisce una ballata sconsolata Shoegaze agli Husker Du delle scorribande supersoniche, con una catartica sezione pre-finale desolante, tetra, che appartiene all’immaginario glaciale di band come gli Agalloch, ma che è cantata con la dolcezza di una filastrocca. Un’altra variazione sulle coordinate del loro stile lo-fi Punk/Pop/Noise p To Hell With Good Intension, fra Ramones ed un baccano infernale. Il finale con Press Corps ricorda la presenza della componente Emo, e sigilla l’album con una sorta di rito di espiazioni attraverso la malinconia.

Unendo Noise-Rock, lo-fi, Shoegaze, Pop, Punk/Hardcore, Post-Core, Grunge il deuo dei Japandroids riassume e reinterpreta molto Rock degli anni ’80-’90: Dinousar Jr., Sonic Youth, Husker Du, Nirvana, Smashing Pumpkins, Pavement. Se avete nostalgia di questo sound ma avete consumato i dischi degli artisti citati, allora i Japandroids sono perfetti: rimischiano le carte con l’urgenza di una “garage band”, ogni tanto tentano qualcosa di coraggioso, non si limitano a fare “revival” ma rimodellano con colori intensi la tela: malinconia Emo, stratificazioni Shoegaze, strumentazione minima, armonie vocali zuccherose ma spesso efficaci, ritornelli non innovativi ma accattivanti (soprattutto nel primo album), commistioni di dolcezza e fragore anche oltre il livello più banale.

.

.

.

Voti:

Post Nothing – 7
No Singles – 6,5

Le migliori canzoni dei Japandroids

Annunci

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...