Arch Enemy – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

Gli Arch Enemy sono una formazione svedese dedita ad un Death Metal che si è fatto progressivamente più melodico ed orecchiabile.

Black Heart (1996) apre le danze sulla scia del primo Death Metal “melodico” svedese, seguendo gli stilemi della scuola ma regalando buoni momenti di energia senza perdere musicalità. Eureka è forse il brano migliore.

Stigmata (1998) con Beast of Man e Sinister Mephisto ripete la formula senza grandi variazioni, se non progressivo aumentare della componente melodica ed un’aumento della complessità dei brani, adesso più lunghi ed articolati. Questa melodicizzazione intacca un po’ Burning Bridges (1999). Nel loro mix di energia e orecchiabilità l’ascolto delle loro opere pecca molto di originalità ma è comunque relativamente semplice ed immediato.

Angela Gossow si aggiunge alla voce per Wages Of Sin (2001) che però le ricicla le solite idee, fra molta energia e qualche momento melodico. Anthems Of Rebellion (2003) contamina sempre più il suono con elementi acustici, elettronici etc. sortendo però risultati mediocri.

Doomsday Machine (2005) conclude questo periodo transitorio con un’opera compatta e multicromatica, innodica e avvincente. Nemesis e My Apocalypse formano un duetto notevole, ed il resto scorre quantomeno fluido e godibile.

Rise Of The Tyrant (2007) è ancora più melodico, con qualche refrain quasi Pop. Il gusto melodico della band non è proprio quello più eccelso, e la formula appare infine edulcorata e un po’ stereotipata, con qualche autocitazione. Se l’originalità non è mai stata una loro dote, qualche canzone riesce ancora ad avere un fascino nei suoi contrasti piuma/panzer (The Day You Died).

The Root Of All Evil (2009) è un concentrato di banalità da Death Metal melodico. Gli In Flames e la scuola nordica sono una ispirazione costante e banale di un album trascurabile.

Dall’esordio gli Arch Enemy hanno tentato una costante mutazione verso un melodismo più marcato, giungendo a compierla con Doomsday Machine.

.

.

.

Voti:

Black Heart – 6,5
Stigmata – 6,5
Burning Bridges – 5,5
Wages Of Sin – 5
Anthems Of Rebellion – 5
Doomsday Machine – 6
Rise Of The Tyrant – 5
The Root Of All Evil – 4

Annunci

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...