Shit & Shine – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

Playlist (parziale) di brani selezionati degli Shit & Shine

Gli inglesi Shit And Shine si sono affermati come una delle più importanti band inglesi degli anni zero. La loro musica è un concentrato di Psichedelia, Heavy Metal, droni spaziali, propulsioni tribali, incubi industriali. La caratteristica saliente è forse l’ossessiva e robusta ritmica che attraversa le loro composizioni maggiori, sorretta spesso dall’utilizzo di una band che conta numerosi percussionisti ed una schiera altrettanto consistente di chitarristi. Lo spessore della loro musica magmatica diventa così impressionante, opprimente e visionario, astratto ma possente nella sua fisicità, una sorta di costante rivisitazione degli incubi lisergici di fine ’60, con però l’utilizzo intelligente e persino eclettico di tutto quello che di violento ed allucinato è stato fatto in quattro decenni di musica Rock.

L’esordio You’re Lucky To Have Friends Like Us (2004) gli presentò come abili artigiani che mettono assieme frammenti di Garage Rock, battiti ossessivi e incubi psichedelici. La loro musica, seppure non abbia un verso svolgimento, è però ancora vicina ai tempi della forma canzone, presentando semmai diversi brani sotto i due minuti ma solo uno che superi i quattro. Col senno di poi, quest’album non è che il preludio a quanto la formazione stava maturando nella sua visione musicalmente malata.

Ladybird (2005) è già un’opera di tutt’altro spessore, decisamente più calibrata ed appassionante. Consiste nei 42 minuti della suite eponima, uno dei capolavori psichedelici di tutto il decennio. Il suono percussivo della sezione ritmica induce una sorta di trance impetuosa, una forza meccanica e quasi mistica trascina in un tunnel di percezioni alterate, chitarre rombanti, caos lisergico, fischi, distorsioni, urla e voci che si aggiungono al caos. L’unica cosa che non fa scivolare l’opera nel free-form totale è proprio la base ritmica, ossessiva e sconquassante, che aiuta a mantenere un senso di almeno parziale razionalità. Così facendo la sensazione è di alterazione e non di confusione fine a se stessa, ed i quaranta ed oltre minuti sono un viaggio contemporaneamente onirico e terrificante dalla potenza espressiva impressionante, che riaggiorna la lezione psichedelica con originalità e con spirito anarcoide di stampo Punk.

Jealous of Shit and Shine (2006) allunga eccessivamente il minutaggio, in una sorta di grandeur da pubblicazione continua che è tipica della scena inglese. L’ispirazione è ancora più che viva, in compenso, e seppure si sia andata un po’ perdendo la catastrofica forza senza regole dell’opera precedente, Practicing To Be A Doctor è un altro baccanale di trenta minuti capace di ritrovare il fascino di tribalismi, distorsioni mastodontiche e voci spettrali senza risultare auto-derivativo.

Küss Mich Meine Liebe (2008) è approssimativamente una compilation, in quanto raccoglie brani già editi ed alcuni inediti. Biggest Cock in Christendom è un tribalismo malatissimo e distortissimo di 15 minuti, altro bagno nel vetriolo. Anche alcuni dei brani minori, come la marziale The Germans Call it a Swimming Head, si fanno riconoscere come altri tasselli validi di una carriera invidiabile. Toilet Door Tits, altro fragoroso tsunami sonoro di 14 abbondanti minuti, si contrappone alla malsana e scurissima Prevention Arise in un’opera che riassume e prosegue la carriera della formazione inglese, con più che discreta ispirazione.

Tutt’altro che tranquillizzati gli Shit And Shine di 229 2299: Girls Against Shit (2009) propongono qualche rivisitazione dei modelli classici. L’omicida Have You Really Thought About Your Presentation? mostra sin dall’inizio, nei suoi nove minuti di rigoli acidi, voci soffocate, ritmo ossessivo, ripetizione sfinente come la formazione continui i suoi intenti terroristici. La fantasia non manca: 20 Years of Caring for the Nations Eyes è una psichedelia solforica sullo scheletro di un Blues/Rock; USA/Mexico è Death Metal e Black Metal ma come se lo suonasse Shitmat; The Cusp of Innocence, Prettily è un esercizio di ripetizione comico e violento, un Heavy Metal estremo portato all’esasperazione infinita della tensione, come nel migliore Shellac; Girls Against Shit (10 minuti, i primi piuttosto dispersivi) diventa una Drum’n’Bass per formula uno in sottofondo, musica cyber-deforme della discoteca; Shit No! è un Dub instabile, vagamente “Minimal”; Pissing on a Shed è quello che suonerebbero i Napalm Death se fossero nati nel 2000; Roberts Church Problems (11 minuti e mezzo) propone un nuovo monolite ritmico sovrastato da abnormi bestie sonore; I’m MAKING My LUNCH!! ricorda Dj Scotch Egg in un ballabile da discoteca spaccatimpani; Kolchak the Night Stalker è Grindcore alieno (che richiama Big Black); Friseur Nelson prova un ritratto atmosferico su un ritmo ossessivo. Tanta varietà e tanto dolore lasciano poi il posto a People Like You… REALLY!, un vuoto pneumatico e desolante, al ralenti, che sfocia anche nella conclusiva Goodbye and Good Gardening. Eterogenei più che mai, persino ballabili in alcuni momenti, gli Shit And Shine soffrono poco la lunghezza dell’opera (quasi 80 minuti), semmai rischiano l’autoderivatività in qualche episodio (Roberts Church Problems, Have You Really Thought About Your Presentation?) e qualche lungaggine (Girls Against Shit, Friseur Nelson). Ripercorrendo molti dei principi ispiratori dei primi album, la formazione continua a sguinzagliare flotte di decibel, tribù di percussionisti, fondere gli stili più disparati e vestire i panni di terroristi sperimentanti della psichedelia.

.

.

.

Voti:

You’re Lucky To Have Friends Like Us – 7
Ladybird – 7,5
Jealous of Shit and Shine – 7
Küss Mich Meine Liebe – 7
229 2299: Girls Against Shit – 6,5

Playlist (parziale) di brani selezionati degli Shit & Shine

Annunci

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...