Gorillaz – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

gorillaz

I Gorillaz sono una formazione inglese di Pop che spazia dall’Hip Hop, all’Elettronica ballabile, al Pop/Rock, al Dub fino a qualche elemento Folk senza mai smettere di rimanere ancorata ad un’atmosfera da party ed un sound easy-listening.

L’esordio Gorillaz (2001) mostra tutte queste influenze in modo poco coeso ma divertente e frizzante. Si tratta di piccoli esperimenti di fusione fra generi differenti che quando (spesso) non centrano il bersaglio, valgono quasi sempre per l’idea. Il capolavoro, ed uno dei brani migliori del Pop di tutti gli anni zero, è Clint Eastwood, un Hip Hop/Funk con refrain catchy, rap centrali, finale fra il cartoonesco e l’inquietante, un’atmosfera a metà fra un horror ed un cartone di Hanna & Barbera. 19-2000 è poco più che un ritornello accattivante, Tomorrow Comes Today è l’altro brano di spicco. Il resto, seppure orecchiabile e radiofonico, raramente conquista a fondo.

Tutt’altra qualità pervade Demon Days (2005). Feel Good Inc. riprova la fusione di Funk, Hip Hop e Folk riuscendo pur rimanendo inferiore a Clint Eastwood. El Mañana introduce un clima velatamente psichedelico ed un mood malinconico, svettando sul resto di una tracklist che pure contiene Dirty Harry, Last Living Soul e O Green World. Nel complesso l’album tende maggiormente verso la malinconia, una tristezza leggera che si insinua nelle canzoni ed aggiunge un pizzico di serietà a questa party-music. Compositivamente, le “fusioni” di generi sono adesso più oculate ed efficaci, regalando anche ai brani meno riusciti un certo appeal.

Plastic Beach (2010) continua il mix sonoro con richiami agli anni ’60 ed ’80. L’album pullula di collaborazioni e di partecipazioni celebri. L’Hip Hop vintage di Welcome To The World Of The Plastic Beach con Snoop Dogg, il Grime ad 8-bit di White Flag con Kano, il ritornello malinconico di Rhinestone Eyes, la Disco con inserti Hip-Hop di Stylo, Superfast Jellyfish ed il suo caramelloso ritornello così orecchiabile, la pensosa On Melancholy Hill e l’orchestrina Hip-Hop di Sweepstakes sono tutti esempi di un Pop dai profumi retrò e le contaminazioni Hip-Hop. Non c’ niente rivoluzionario ma, quando il gioco funziona (più nella prima parte dell’album che nella seconda), c’è la leggerezza di una musica orecchiabile, variegata e radiofonica.

.

.

.

Voti:

Gorillaz – 5
Demon Days – 6
Plastic Beach – 5,5

Annunci

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...