Enya – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist

Enya1

Playlist di brani selezionati di Enya

Enya è un’artista irlandese che ha saputo creare una delle formule più affascinanti e personali degli anni ’80 e ’90. Sfruttando un tappeto di musica Elettronica fatta di sintetizzatori e di tastiere, e contornando il tutto di violini e chitarre mai invadenti, ha ideato una musica soffice ed impalpabile che ha l’atmosfera delle fiabe e delle leggende. Su questo tappeto musicale altamente suggestivo, poi, ha cantato con voci fluttuanti ed eteree, prive di una concretezza fisica, come di spiriti o come di memorie antiche perdute nel tempo e riscoperte dopo secoli. La musica di Enya ha il dono di apparire eterna, e nonostante le forzature sul versante del tempo non siano poi così marcate (la dilatazione c’è ma non è estrema, la lentezza c’è ma non è stasi totale), l’impressione è che ci si muova nell’astratto, che questa musica non abbia una fisicità, che sia suonata da pensieri e spiriti, e non da una vera formazione in carne ed ossa. Musicalmente si può inserire l’opera di Enya nella New Age o nell’Elettronica, ma non è improprio affermare che la sua formula sia tanto personale da sfuggire in buona parte ad entrambe le catalogazioni.

Enya (1987), ripubblicato come The Celts (1992) con minime variazioni, apre con la danza per angeli di The Celts, ma è l’estasi mistica/fiabesca che guida Aldebaran, The Sun In The Stream, la melodia impalpabile di Fairytale, il clima liturgico di Triad, i soffi di Boadicea, capolavoro di sospiri per sbuffi orchestrali.

Watermark (1988) affina la stasi spirituale con la delicatissima title-track, per pianoforte che lacrima una apparizione divina. Carsum Perficio, la ninna nanna On Your Share, l’epifania degli dei della natura in Storms In Africa, il volo di En’ile, la celebre Orinoco Flow per balli fra folletti ed ancora il sospiro eterno di No Laetha Geal sono diapositive dell’anima, un tuffo nello spirito della natura e nella spiritualità dell’esistenza. I Popol Vuh di Hosianna Mantra hanno avuto una discepola talentuosa.

Shepherd Moons (1991) con la splendida e leggerissima linea di piano della title-track, la “ballabile” Carribean Blue, l’avvolgente e corale Angeles, la più canonica Book Of Days per refrain orecchiabile e sospensioni paradisiache come da copione, la dilatata Evacuee, il balletto festoso per spiriti senza peso di After Ventus sono tutti nuovi affreschi di un mondo immaginifico, fantastico e sospeso nell’incredibilità delle favole. Rispetto a Watermark, però, alcuni episodi propongono molta rarefazione per un coinvolgimento minore, ed alcuni dei brani non hanno al freschezza dell’album precedente, vuoi perché le idee sono similari, vuoi perché l’ispirazione magica dell’opera precedente è forse svanita.

The Memory of Trees (1995) con la title-track, Athair Ar Neamh, China Roses prosegue il discorso citando il suo passato e regalando altri affreschi di mondi dell’anima. Perlomeno la sua autocitazione è mitigata dall’originalità della sua stessa musica.

A Day Without Rain (2000) è un album deludente, meno impalpabile ma soprattutto è un album di una artista matura che sfrutta la sua esperienza ma non riesce più a scuotere l’anima. Only Time, l’episodio più famoso e forse il più significativo, sembra un compendio del suo passato, stilisticamente impeccabile nel riproporre gli stilemi della sua carriera ma anche incapace di declinare il tutto in qualche diapositiva, suggestiva o mistica, convincente.

Amarantine (2005) ed il successivo album dalle tematiche natalizie And Winter Came… (2008) non fanno che sfruttare i suoi stessi stereotipi all’infinito, con eleganza, mestiere ma senza nuove idee.

.

.

.

Voti:

Enya – 7
Watermark – 7,5
Shepherd Moons – 6,5
The Memory of Trees – 6
A Day Without Rain – 5
Amarantine – 4,5
And Winter Came – 4,5

Playlist di brani selezionati di Enya

Annunci

Mi fa piacere leggere i vostri commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...