Gli Artisti Del Millennio #73: ALICIA KEYS

Nel 2001 è diventata la nuova, celeberrima stella di quel territorio fra r’n’b, hip-hop e soul che è l’eredità di Erykah Badu e Lauryn Hill che negli States piace tanto a inizio millennio. Pianista classica, cantante talentuosa, musicista scafata, ha goduto di un successo a traino statunitense, ma con ricadute intercontinentali, senza inimicarsi la critica…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #72: MAROON 5

Dice il chitarrista James Levine: “Penso che la classica canzone dei Maroon 5 sia in tonalità minore, e abbia un po ‘di funk, la chitarra in stile Nile Rodgers e il testo probabilmente ti spezzerà il cuore. In minore, funk e crepacuore: questa è la formula”. Questi pochi elementi e la voce pigolante del sex-symbol…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #71: BOB DYLAN

Il più grande cantautore vivente, fra i grandi musicisti del 900. Ha rivoluzionato la musica nei 60s, continuando a costruire una discografia leggendaria che dagli 00s è fatta soprattutto di cover, ripescaggi, live, riedizioni. A volte questi documenti sono riconferma di un genio creativo stupefacente. Ha venduto oltre 100 milioni di dischi e ha ottenuto…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #70: MISSY ELLIOTT

Grande esempio di rap al femminile fra i due millenni, soprannominata Hip-Hop Goddess, è l’artista con cui Tim “Timbaland” Mosley trova l’anima gemella, artisticamente parlando. Pur perdendo l’equilibrio unico fra neo-soul, r’n’b e hip-hop degli esordi, ha continuato ad attrarre l’attenzione della critica e del pubblico fino a vendere oltre 30 milioni di album ed…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #69: STROKES

Formazione di New York innamorata dei giganti del rock, in primis i Velvet Underground, ma con uno spiccato gusto melodico. Salutati come la nuova speranza della musica chitarristica, hanno tenuto a battesimo un decennio retromaniaco e revivalistico che ha visto anche il ritorno del garage-rock. Is This It (’01) ha il ritmo ossessivo dei Velvet…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #68: SIA

Australiana che ha faticato a emergere, riciclandosi nell’attesa come autrice per altre colleghe . Un passato acid-jazz, il debutto nel ’97 e la militanza negli Zero 7 a Londra ma il successo non arriva, neanche con altri due album. New York è, finalmente, il posto giusto: si fa conoscere, ma fugge dalla fama e opta…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #67: FEIST

Membro dei Broken Social Scene, canadese e attiva dal lontano 1999, è diventata famosa e celebrata solo dal triennio ’04-’07 grazie a due album best-seller. Suona un folk con rimandi jazz, bossa nova, pop e qualche coloritura barocca, ma ha diviso un Ep con i muscolari prog-metallari Mastodon. Ha ridotto le pubblicazioni di album dal…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #66: YEAH YEAH YEAHS

Prima una band garage-rock ringhiante e divertente, con lo spirito punk, quindi una formazione più new-wave, che richiama Blondie e Siouxsie And The Banshees. Attira l’attenzione soprattutto la sudcoreana Karen O alla voce, diventata nel tempo anche una sex-symbol a cui è stato proposto un servizio su Playboy. Dopo tre album anche ben venduti, la…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #65: PHOENIX

Indie-pop-rock da Varsailles, la più celebrata band francese del primo ventennio dopo i Daft Punk e gli M83. Sono ballabili, ma non disprezzabili anche se ascoltati seduti in macchina o in ufficio. Dopo tre album formativi, diventano una delle band dell’anno nel 2009, con un album che vende 1 milione di copie: un risultato eccezionale…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #64: ERYKAH BADU

Apre uno show per D’Angelo, diventa famosa tre anni dopo con uno degli esordi più fulminanti del periodo, celebrato dalla critica e compratissimo dai fan: è lei la “regina del neo-soul”, anche se all’inizio ha molti punti di contatto con l’hip-hop. Classe sopraffina, eleganza e sensualità, è un esempio di raffinatezza e ricercatezza che ha…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #63: YEASAYER

Not another neo-psych band: potrebbe essere questo il motto di questo trio di Brooklyn, che sicuramente suona musica visionaria ma che ben si distingue dai contemporanei eroi del revival dell’allucinazione musicale. Sofisticati esploratori delle tradizioni etniche, profeti post-moderni del mistico e dell’esoterico, raffinati tessitori di armonie, sono l’anima più creativa della nuova musica psichedelica. La…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #62: D’ANGELO

Non il partenopeo Nino, trattasi dello statunitense Michael Eugene Archer, considerato uno dei rifondatori del soul. La critica ha coniato per il suo stile il termine neo-soul, un sottogenere che conta fra i suoi esponenti Erykah Badu, Lauryn Hill e Maxwell. Nel caso di D’Angelo il soul classico è ovunque, soprattutto sotto forma di tributi…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #61: CRYSTAL CASTLES

I videogiochi dell’infanzia e gli incubi dell’adolescenza, le sound-board 8-bit con i loro suoni sgraziati e il synth-rock: il duo formato da Alice Glass e Ethan Kath ha unito malinconia e inquietudine. L’ansia di una generazione di 20-something senza una chiara direzione nella vita passa anche attraverso le loro canzoni frenetiche e ansiogene, tristi e…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #60: JAPANDROIDS

Il noise-rock ha dato i suoi frutti negli 80s e nei 90s, ma un duo di canadesi ha scritto un tardivo album nel 2009 che suona come un grandioso colpo di coda. Semplice ed efficace la formula: brani essenziali, emotività e decibel. Ma niente miracoli: ripiegano velocemente verso un rock nostalgico, meno peculiare. Un gruppo…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #59: M.I.A.

Mathangi “Maya” Arulpragasam, rapper bianca di origini tamil e nata in Sri Lanka, vive a Londra e rappresenta il modello della musicista che vive a metà fra mainstream e alternative, alimentandosi di proclami politici, sociali e filosofici. Si fa conoscere come musicista, regista, designer ma è MySpace che la porta al successo. Ha suonato un…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #58: CARIBOU

Il canadese Dan Snaith, attivo come Caribou, Manitoba e Daphni, unisce la manipolazione dell’elettronica alle giostre scintillanti della neo-psichedelia, il sognante amalgama dream-pop e spunti vari che attingono tanto da classica, house e hip-hop. Assimilabile a Boards Of Canada, Telefon Tel Aviv e Four Tet, nel tempo ha continuato ad evolversi, rimanendo peculiarmente imprevedibile ma…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #57: SLEATER-KINNEY

Ultima propaggine delle riot-grrrl dei 90s, movimento di cui sono reduci le due fondatrici, sono una band femminista e sinistrorsa. In un mondo rock in pieno post-grunge, fungono da prospettiva alternativa al machismo ritrito e al trionfo della forma consolidata sul messaggio sociale e politico. Attive continuamente dal ’94 al 2005, ritornano per il giubilo…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #56: BRUNO MARS

Peter Gene Hernandez, famoso come Bruno Mars, è una superstar dei 10s, interprete in ambito pop e r’n’b della retromania del periodo. Attivo come produttore e cantante, si distingue anche come showman d’eccezione. Indicato come l’erede di Michael Jackson, di cui a tratti pare un imitatore, ne ha il fiuto per il successo ma non…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #55: NEKO CASE

Neko Case è una delle più originali interpreti del Country negli anni 00s. Questa giovane statunitense riesce a contornarsi di musicisti eccellenti e spazzola la lunga tradizione statunitense facendo leva su una voce intensa e vibrante, capace di virtuosismi e di grande comunicatività. Attiva anche nei New Pornographers, ha costruito anche un ampio repertorio parallelo…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #54: CALVIN HARRIS

Dj scozzese, produttore, cantante e autore di grande successo presso il grande pubblico internazionale. Dal ’13, costruisce la sua ascesa nelle playlist di Spotify e YouTube anche con collaborazioni furbe, in primis con Rihanna. Suona house melodica, da canticchiare e ballare distrattamente, almeno fino a quando egli stesso non si annoia e sceglie il funk….

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #53: FLORENCE + THE MACHINE

Band inglese incentrata sull’ugola potente ed espressiva di Florence Welch, impegnata in un indie-pop-rock sofisticato ed emotivo, barocco e cameristico a seconda dei momenti. Formazione benvoluta dalla BBC, che ne foraggia il successo, e celeberrima in patria nel biennio ’09-’10, dove l’album d’esordio rimane in top40 per 65 settimane consecutive. Non è un fuoco di…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #52: MGMT

Formati nel 2002 dal multi-strumentista Andrew VanWyngarden e Ben Goldwasser, sono una incarnazione contemporanea dello spirito psichedelico, opportunamente ringiovanito da noise-rock ed elettronica, nella terra di mezzo fra mainstream e indie. Nel 2007 diventano la più brillante stella del nuovo pop-rock, l’ennesimo sussulto di un mondo musicale sempre più cannibale che ancora per poco avrebbe…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #51: BAT FOR LASHES

Natasha Khan è una polistrumentista, cantante e compositrice inglese di padre pakistano che ha subito il razzismo da piccola. Stile gotico, voce da contralto, al contempo intimista e sensuale, costruisce una carriera attingendo agli stili più disparati, sintetizzando molte anime della musica femminile, da Kate Bush a Cat Power, da Patti Smith a Pj Harvey….

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #50: GIRLS

La piacevole sensazione di tornare al confortevole, conosciuto, amato, abitudinario pop e rock anglo-americano quando si vive l’instabilità politica della Great Recession, le lotte intestine fra gruppi etnici e sociali: ecco il corroborante potere di Cristopher Owens e soci. Due soli album, perfette imitazioni dei grandi classici, poi persino il comfort diventa noia, piaga da…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #49: FEVER RAY

Karin Elisabeth Dreijer Andersson, cantante svedese già metà dei The Knife, è anche impegnata in una carriera solista di grande caratura ma poco prolifica. Splendida icona del gender-fluid, ha scritto monumenti all’ambiguità totale di un mondo nostalgico e futurista, opulento e decadente, grandioso e miserabile come quello della Grande Recessione. In una lunga pausa della…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #48: CAT POWER

La più grande cantautrice rock della sua generazione, la più eclettica ed emotiva, nonché una delle grandi donne del rock statunitense. Già celebrata dai più attenti nei 90s, ha aperto alla grande il secolo e poi, per stanchezza e problemi personali, ha rallentato il passo e mostrato segni di stanchezza. Il ritmo dei suoi brani…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #47: AVALANCHES

Dj australiani, hanno dalla loro due soli album e una manciata di Ep, ma come accadde per i My Bloody Valentine nei 90s, tanto basta per renderli interessanti. Hanno stravolto la musica della loro nazione, poi hanno conquistato il mondo con un esordio epocale, capolavoro della musica plunderphonics, basata sull’uso massiccio di materiale musicale pre-esistente…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #46: HORRORS

Inglesi garage-punk-rockers affascinati dal gotico e dal grottesco, sono gli ideali nipoti di Ramones e Cramps, Birthday Party e Bauhaus. In un quintetto di album hanno coniugato orrorifico e gotico, psichedelico e revival, senza timore di far ballare il pubblico. La miscela garage-punk gotica viene proposta sull’incendiario e confuso esordio Strange House (’07), adrenalinico e…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #45: DIRTY PROJECTORS

Dave Longstreth crea una indie-rock-band sperimentale aperta a tutto: un caso raro di discografia dove ritrovare Beyoncé e Frank Zappa (che Longstreth odia!), Mariah Carey e Pere Ubu. Rimanendo ferocemente alternativi, hanno coniato una nuova fusion trasversale, per la quale hanno ricevuto troppi pochi riconoscimenti. The Glad Fact (’03) è un esordio avventuroso, rimpinzato di…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #44: ED SHEERAN

Cantautore e polistrumentista britannico, famosissimo dal 2011. Melodie squisitamente pop, per rendere tutto orecchiabile e facile da ricordare, con elementi folk, soul e r’n’b: è il passepartout per il successo dei 90s, aggiornato poi con hip-hop e reggaeton. Capitano dei riferimenti alla musica irlandese, note etniche e poco più. Forte di una lunga gavetta adolescenziale…

Vota:

Recensioni 2019 #64: Crush – Floating Points

Sempre maestro di eleganza, questa volta il nostro neuroscienziato prestato alla musica spinge su ritmi anche marcatamente aggressivi, ricorrendo alle più scatenate frenesie di Squarepusher e Amon Tobin, ma sempre per unire la pulsione animale ai viaggi mentali, mai così grandiosi e visionari. Più classico che jazzy, prodotto e mixato egregiamente dal nostro. Recensione estesa qui. 7…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #43: BLUR

Grandi protagonisti dei 90s e del britpop, etichetta che ben li rappresenta ma che li costringe a fenomeno passeggero, ingenerosamente. Ben superiori ai cugini Oasis, avversari nella celebre “Battle Of Britpop”, non meno pretestuosa della rivalità Beatles Vs Rolling Stones. Hanno saputo reinventarsi grandi autori di un sofisticato pop-rock intimista, aperto a influenze elettroniche e…

Vota:

Recensioni 2019 #63: Mattoni – Night Skinny

C’è una folla di 26 rapper dietro il microfono, dai veterani Marracash, Noyz Narcos, Fabri Fibra, Gué Pequeno, Jake La Furia passando per le nuove leve come Rkomi, Tedua, Capo Plaza, fino ad arrivare a dei veri emergenti quali Lele Blade, Shiva, Chadia Rodriguez, Madame e Taxi B. L’occasione è ghiotta per tutti, visto che notoriamente questi producer-album sono ideali per…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #42: BECK

Modello di nerd, alternativi e sfigati, poeta da cameretta amante della bassa fedeltà. Fondendo tradizione cantautorale (Bob Dylan, Donovan), psichedelia (Syd Barrett, Holy Modal Rounders), attitudine lo-fi, propensione al rumorismo e collage hip-hop, ha creato nei 90s un linguaggio ironico e tagliente, fra indie e mainstream. Eclettico, fantasioso e onnivoro anche se fin troppo prolifico,…

Vota:

Recensioni 2019 #62: Pyroclasts – Sunn O)))

Più che un vero e proprio ritorno, per gli statunitensi Sunn O))), si tratta del completamento di quanto già ascoltato su “Life Metal“. Si rinnova la convinzione già maturata per il capitolo precedente: ormai la formazione ha raggiunto una solida, lodevole quanto probabilmente definitiva maturità. Difficile chiedere di più da chi ha fondato quasi in autonomia…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #41: JOANNA NEWSOM

La più grande artista folk del ventennio. Incredibilmente, suona unica e originale nonostante i richiami classici e gli strumenti tradizionali. Compositrice geniale, cantante unica per tecnica e timbro, multi-strumentista innamorata dell’arpa. L’incredibile il lavoro sulla tonalità: la varietà vocale impareggiabile le permette transizioni dal fiabesco al drammatico, dall’emotivo allo scherzoso, dalla filastrocca alla tragedia. Essenziale…

Vota:

Recensioni 2019 #61: Life Metal – Sunn O)))

Ottavo album, anticipato per il Record Store Day il 13/4/19, e primo della formazione con Steve Albini in cabina di regia. Ormai padroni di un drone-metal dinamico, che non disdegna aperture sinfoniche e composizioni avventurose, i Sunn O))) ritornano senza stravolgere la loro musica. I fan saranno entusiasti, perché sono vivi e vegeti, ma non…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #40: BEYONCÉ

Principessa dell’R’n’B, giunonica, aggressiva, abbagliante, eccessiva pop-star nera degli 00s. Erede di Tina Turner, Diana Ross, Whitney Houston e… Michael Jackson, è lei la Michelle Obama del music-business. Ha costruito un impero col marito Jay-Z, creando con Rihanna il triangolo amoroso del ventennio. La sua carriera è una telenovela per musicofili e gossipers. È l’archetipo…

Vota:

Recensioni 2019 #60: uknowhatimsayin¿ – Danny Brown

Inversione di rotta per il rapper di Detroit, invece del rock qui i riferimenti per i testi sono gli stand-up comedian e la tradizione del rap umoristico, da commento sociale più sarcastico e sardonico che banalmente comico o parodistico. Questo almeno secondo i propositi dell’autore. Perché dietro al microfono c’è sempre una persona psicotica, Inevitabile…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #39: HOT CHIP

Formazione inglese fra funk, electro-pop e malinconia indie-pop. Blandamente intimisti, sicuramente emotivi, spesso vivaci e festaioli, sono l’alternativa immediata, orecchiabile, festaiola dei più seriosi LCD Soundsystem. Stevie Wonder e Prince brillano sul loro altarino più dei Kraftwerk e i Depeche Mode. L’esordio Coming On Strong (’04) è un elegante mix di rivisitazioni dance, suoni “sintetici”…

Vota:

Alcuni Dei Miei Album Preferiti Del 2019 (…Per Ora)

In attesa di qualche nuovo ascolto prima della classifica definitiva di fine anno, ecco un riassunto degli album che più mi hanno colpito di quest’anno ormai al tramonto. Per il momento, in attesa di aggiunte dell’ultimo momento, riascolti e colpi di scena, gli album a parità di voto sono elencati in ordine alfabetico. Ogni album…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #38: ROBYN

Popstar svedese dall’inatteso successo internazionale, emersa grazie ad alcune hit degne di una Britney Spears a metà 90s. Alla minore esposizione internazionale corrisponde un ritorno sulle scene che le fa guadagnare anche l’interesse dei musicofili. In Italia è un’emerita sconosciuta. Robyn Is Here (’95) contiene 4 singoli, 2 dei quali disco d’oro in Usa; totalizza…

Vota:

Recensioni 2019 #59: Dogrel – Fontaines DC

La paura, quando ci si trova davanti ad un 87 di metascore che riporta la dicitura “post-punk” è di trovarsi di fronte a una vecchia band riesumata per l’occasione, salutata con affetto dalla critica. Ma questo è un esordio dublinese, assordante e ruvido, che pur pescando costantemente dalla tradizione non manca di divertire e farsi…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #37: RIHANNA

Il prototipo della pop-star degli 00s: trend-setter, gossip-idol, social-celebrity, top-influencer, featured-artist, sex-symbol soft-porn dell’era dei leak. Nel decennio ’07-’17 è uno dei volti (e culi) più conosciuti sul pianeta, grazie a una serie di super-hit con video onanistici, live feromonici, corollario di pettegolezzi. Diventata onnipresente, sexy prezzemolina del mondo, alla fine è scoppiata. La scopre…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #36: WILCO

Gli Wilco, guidati da Jeff Tweedy, sono fra le formazioni più apprezzate degli 00s nel panorama del nuovo roots-rock statunitense, anche se nascono a fine 90s. Divisi fra le radici country-sudiste e la contemporaneità pop-rock, hanno vestito i panni di attualizzatori di un sound e di un modo di intendere la musica che è presente…

Vota:

Recensioni 2019 #58: Hoodies All Summer – Kano

C’era una volta il grime, una strana bestia hip-hop inglese che, diciamolo, pochi si ricordano. A ben guardare è stato il fondamento di una nuova scena inglese di rapper tormentati, nipoti dei rave schiacciati dai sogni impossibili. Kano ha raccontato la sua Londra da millennial sin da Home Sweet Home (’05) e lo fa ancora,…

Vota:

Gli Artisti Del Millennio #35: M83

Anthony Gonzalez, polistrumentista e cantante francese, ha una passione incontenibile per i sintetizzatori. Per un paio di anni, il biennio ’01 – ’03, la concretizza in un duo, poi diventa palesememente quello che già si intuiva: un progetto solista con collaboratori vari ed eventuali. Visto l’amore per i synth, cosa potrà mai suonare? Depeche Mode,…

Vota:

Recensioni 2019 #57: Gold & Grey – Baroness

Forse l’unica band stoner a ricevere attenzioni da un pubblico ampio, insieme ai redivivi Queens Of The Stone Age, arrivano al quinto album smussando gli angoli metal e diluendo la zuppa con troppi inutili intermezzi. Molto criticata la produzione, che attenua le esplosioni e rinforza l’atmosfera onirica: non è questo che rende l’album adatto ad…

Vota:

Recensioni 2019 #56: Psychodrama – Dave

Giovane rapper londinese, nero, all’esordio dopo un Ep del ’17, Game Over. Com’è vivere nella metropoli inglese per un giovanissimo classe ’98? Razzismo, ansia, disperazione, abusi domestici, relazioni guaste e disuguaglianze sociali, ovvero uno psicodramma come promesso dal titolo. Pur appoggiandosi a tratti ad uno stile che rischia di sfociare nel patetico, che ricorda qualcosa…

Vota: